Il bullismo non è una fiaba!

Negli ultimi anni è diventata una ‘moda’ adolescenziale. Una moda brutale, violenta, pericolosa e priva di colori.
Ovviamente non sono un’esperta in materia, non sono qui per dare lezioni o giudicare, niente di tutto ciò. Parlo da madre, di un tema che mi tocca da vicino e mi sta a cuore ogni forma di violenza.
L’ho vissuta come mamma che ha dovuto combattere insieme al proprio figlio, preso di mira per il colore della pelle, aiutarlo ad andare a scuola, motivarlo e in qualche modo farlo sentire superiore a certi insulti.
Andiamo con ordine però.
La mia bambina classe 2012, mi chiese all’improvviso cosa fosse il bullismo. Come si fa a spiegare a una bambina così piccola, una parola così grande?
L’ho spiegato in questo modo, ma senza troppi giri di parole, non è una fiaba, è una cosa seria ed è giusto, per quanto piccoli possano essere dire le cose vere. Secondo me è il modo migliore per aiutarli a stare in questo mondo.
Il bullismo viene ‘creato’ da bambini o adolescenti che si sentono soli, non apprezzati per qualcosa o da qualcuno. fragili e vulnerabili. Cercano disperatamente il loro posto in questo mondo, ma, lo fanno nel modo sbagliato.
Usano la voce per farsi sentire. Toni duri e minacciosi. Usano le mani, per dimostrare la loro forza, ma dentro sono fragili. Usano gli occhi, per seguirti, ma non vedono il male che fanno. Usano le risate per aumentare le tue paure, ma nascondono le loro di paure.
‘Ma la mamma e il papà non sgridano questi bambini?’ Aggiunge lei.
Dal mio personalissimo punto di vista, penso che alcuni genitori sono più concentrati sui ‘like’ sui social. A bollette, lavoro, i problemi quotidiani, quelli che abbiamo tutti per intenderci 😒, ma alcuni sono davvero concentrati a risolvere i problemi dei ‘like’, più che seguire i figli in alcuni momenti della loro vita molto delicata. Adolescenza e pre- adolescenza.
L’ adolescenza è una cosa seria, che se non seguita in modo adeguato e occhio super vigile, sono dei ragazzi- bambini abbandonati a loro stessi, affrontano la vita dal loro punto di vista. Violenza.
negli ultimi anni, sono state lanciate delle challenge davvero pericolose, come la corsa tra i binari, darsi fuoco, la challenge ghiaccio-sale, challenge della cannella, blu whale e tante altre. Tutto condito da una buona dose di: <<Se non fai questa sfida, sei escluso dalla compagnia.>>
😱😱😱😱😱 questa è la mia espressione. Evitiamo parolacce… Ma vorrei tanto dirne una… ma vaffanculo!!
Il bullismo ha due semplici regole:
Diretto- il bambino o l’ adolescente affronta la sua frustrazione sulla vittima proprio fisicamente o/e verbalmente. Picchiando o usando parole brutali.
Indiretto- altra forma di bullismo è ignorando o escludendo totalmente la vittima. da un gruppo, una compagnia, durante le attività scolastiche e così via.
All’ inizio dell’ articolo ho detto che questo argomento mi toccava da vicino. Nessun genitore vorrebbe vedere il proprio bambino/a preso di mira. Diventa un incubo non solo per la vittima ma anche per chi gli sta attorno, e, cerca di proteggere con parole motivanti, gesti e sguardi di forza. Non è facile per una mamma, per un papà vedere il proprio figlio soffrire. Ti senti impotente. Fa male, è doloroso e crea un sacco di ansia, stress e frustrazione. Io ne so qualcosa.

Dal bullismo si può evadere.

Dal bullismo si può evadere. Per prima cosa, mai arrendersi e bisogna lottare fino all’ultima speranza. Bisogna essere determinati e trovare sempre e comunque la forza di andare avanti. Ci sono corsi e strutture adatte ben lieti di aiutarvi. Le scuole stanno facendo grandi passi contro il bullismo e ne sono contenta.
Mio figlio che ormai sta entrando nel tunnel dell’ adolescenza è letteralmente innamorato di questo film -Wonder-, uscito a novembre 2017 negli Stati Uniti. Anche io mi emoziono, è una storia incredibile che racconta molto bene, cos’è il bullismo, l’ amore e il dolore di una famiglia che lotta ogni giorno con tutto ciò. Specialmente se tu hai vissuto il bullismo.
A voi la parola…

Una risposta a "Il bullismo non è una fiaba!"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...